Trivial Pursuit Letterario

 

Ciao!

L’altro giorno ero a Milano, stazione Garibaldi, e sono entrata in una Feltrinelli dopo moltissimo tempo: a lavoro ho la libreria aziendale, che frequento spesso (pur avendo il kindle), che però ha solo libri della casa.

Quindi, approfittando del fatto che ero in anticipo, ho voluto fare un giro per vedere e toccare con mano le ultime novità. Mentre curiosavo tra gli scaffali, ho notato una graziosa scatola di metallo rosso.

Continua a leggere “Trivial Pursuit Letterario”

Hilma Wolitzer – Un uomo disponibile

Immagine presa da lafeltrinelli.it
Immagine presa da lafeltrinelli.it

Buon lunedì a tutti!

Ho finito da qualche giorno il libro “Un uomo disponibile” di Hilma Wolitzer (Feltrinelli). E’ uscito lo scorso settembre, e già da allora lo avevo puntato. Mi capita raramente, ma ci sono dei libri che mi conquistano al primo sguardo. Come li prendo in mano, devo comprarli. Non so da cosa dipenda, se sia merito della copertina, o del frontespizio. Mi è stato spiegato che se un libro vende poco è soprattutto colpa della copertina, che è uno strumento di marketing a tutti gli effetti. Capita solo a me? Ditemi di no, vi prego!

Con questo libro probabilmente è stato fatto un ottimo lavoro, perché, come dicevo, appena l’ho visto l’ho desiderato. Poi magari passano mesi prima che lo inizi, ma intanto so che ce l’ho.

Il protagonista è uno stimato professore di scienze, Edward Schuyler, che si ritrova improvvisamente vedovo. Perde la moglie in pochi mesi per colpa di un tumore, e lui si ritrova, volente o nolente, di nuovo “sulla piazza” a sessant’anni. Da qui il titolo del libro: la sua condizione di uomo libero da legami, single, lo rende disponibile. Nonostante lui non voglia nemmeno pensare di innamorarsi di nuovo, si trova attorno numerose donne, anche per colpa dei figli della moglie, che mettono un annuncio sul giornale a nome suo.

Il romanzo quindi è una lotta continua tra i sentimenti che legano Edward alla moglie e la voglia, che cresce poco a poco, di innamorarsi di nuovo, di conoscere nuove persone e le nuove sorprese che la vita sarà in grado di regalargli.

Dovrà anche affrontare Laura, il suo grande amore giovanile, che sbuca fuori da un passato lontano e doloroso: lei non si è comportata proprio bene con lui, ma farà di tutto per conquistare di nuovo Edward.

Il finale, sebbene non sia scontato, lo si può intuire a un certo punto. O meglio: ci si chiede cosa manchi a Edward per poter trovare una nuova compagna, e si presuppone che prima o poi la troverà.

L’autrice non vuole sconvolgere il lettore con trame complicate, fatti che si susseguono l’un l’altro. La storia non presenta grandi colpi di scena, ed è raccontata dallo stesso Edward: ci si immedesima benissimo in lui, e siamo curiosi quanto lui di vedere come andrà avanti.

In questo modo l’autrice riesce a raggiungere il suo scopo, ovvero far riflettere sull’imprevedibilità della vita, e di come di fronte agli imprevisti si ha voglia di conquistare di nuovo la felicità, nonostante non ci siano motivi per essere ottimisti.

Inoltre ho trovato bellissima tutta la prima metà del libro, ovvero il ricordo constante della moglie attraverso piccole cose: molto struggente ma bellissima!

E’ un libro però anche molto divertente, scritto con ironia, originalità e leggerezza: si legge facilmente e strappa numerose risate.

Lo considero un libro leggero, poco impegnativo proprio per questo, ma l’immedesimazione nel protagonista è inevitabile, e questo lo rende non proprio una lettura da “ombrellone”. Non saprei come definirlo!

Mi ha colpito molto una recensione di questo libro del “The Washington Post”: Hilma Wolitzer mescola il dolce e l’amaro con grande abilità e accuratezza. Dopo averlo letto sono d’accordo con questo parere e non posso che consigliarlo caldamente: offre numerosi spunti per riflettere e per emozionarsi. Non nego che qualche lacrima me l’abbia fatta scendere..

Anche in questo caso, vi prego, ditemi che non sono l’unica! 🙂

Vi lascio con una intervista all’autrice (in inglese), in cui racconta anche del suo amore per la scrittura, e di come le storie che lei vuole raccontare arrivano sulla carta stampata. Mi fa piacere vedere che anche lei, scrittrice di successo, abbia avuto il “blocco dello scrittore”, e del fatto che sia convinta che le storie nascano nella nostra mente prima ancora di decidere che le vogliamo scrivere.

Giovanna

_______________________________________________________________________________________________________

Q & A With Hilma Wolitzer: A 30-Year Love Affair With Writing

“Learn what you know by writing.” – Hilma Wolitzer

Hilma Wolitzer, author of fourteen books, published her first poem at age nine, and then her first novel at 44. Here’s more from this prolific author, whose newest novel, An Available Man, is a comic novel about late-in-life dating.

Jennifer Haupt: Had you been writing all along, or was writing a passion you rediscovered?

Hilma Wolitzer: There were some published short stories in between, but that’s still a pretty long hiatus, isn’t it? I could say I was busy raising my kids, teaching, and caring for my ailing parents—all true!—but that’s no excuse. One of my favorite writers, Grace Paley, never blamed her political activism for her small (but glorious) literary output. She was right; you can’t really blame anyone or anything else for your own lack of productivity.

I like to think that I was writing in my head during my fallow years, but just not able to get it down on paper. That’s what I still tell myself, anyway, whenever I’m blocked. And it may be a valid conclusion, because sometimes long passages of prose arrive in a flash while I’m preparing dinner, crossing the street, or taking a shower. I’ve jotted sentences down in my checkbook, the margin of a newspaper, and even on the back of my hand. A sympathetic friend once gave me crayons that write on wet tile. Despite my dry spells, the work fairly flows once I get started. My entire first novel, Ending, was written in only a few months, but it was probably simmering for a while on an unconsciouns level, waiting to rise to the surface.

JH: An Available Man is your fourteenth published novel. Are there themes that run through all of your work? A question you’re trying to answer for yourself?

HW: An Available Man is actually my ninth published novel (but it is my fourteenth book). There are a few repeated themes in my work—like love and loss and redemption—although I often need readers to point them out, because I’m immersed in my characters and their lives. These are pretty universal themes. Everyone who’s ever loved someone knows from experience or intuition about loss—I’m certainly no exception—and we all hope for the solace of redemption. The latter can take many shapes.

In my novel Hearts, a shared loss eventually leads to a strong bond between a woman and the teenaged stepdaughter who hates her at the beginning of the book. It’s a road novel, so there was a preordained geographical destination for the characters-their emotional destination was something that took them (and me) by surprise. Edward Schuyler, the hero of An Available Man, loses his beloved wife Bee and is consumed by grief. Others try to pull him out of that darkness into the light and joy of a new love, but he resists, at least for a while. He’s torn between a lingering loyalty to Bee and a growing desire to start over again with somebody else. I guess that, like Edward, I’m always trying to figure out how best to live.

JH: What has kept you writing novels for more than 30 years? And how do you keep your writing fresh?

HW: I try to practice what I tell my workshop students: don’t write about what you know; find out what you know by writing. I often think, after I’ve finished a manuscript, that I’ve written myself out, that I couldn’t possibly know anything else, and I feel bereft when I have to leave my characters on the final page. Maybe that’s why I’ve written a couple of sequels. But writing fiction is an ongoing act of discovery, and new characters inspire new ways of telling a story. My characters always arrive first, before even the inkling of a plot.

At the risk of sounding like Joan of Arc, I have to say I hear their voices in my head. I begin to wonder who these people are and what they want, and then all the rest—their inner lives and the action—eventually follows. I’ve never done a formal outline, although I know that works for others. I tend to write the way I read, to find out what happens. Reading other writers helps the writing process, too. They refresh my vocabulary and excite my imagination.

JH: What other books would you recommend to someone who’s lost faith in love?

HW: Any novel by Jane Austen in which love trumps financial necessity. A few others are The biblical story of Jacob and Rachel, The Little Disturbances of Man, by Grace Paley, Good to a Fault, by Marina Endicott, and A Home at the End of the World, by Michael Cunningham.

JH: An Available Man is about finding love in later life. Have you drawn on your own experiences?

HW: Not directly. I never do, in my fiction; it’s much more fun to make things up. And I’ve been married for a very long time to my (one and only) husband. But I’ve observed divorced and widowed friends trying to connect with someone a second time around. It’s not easy—especially for older women, who tend to outlive their mates and are far less in demand than younger women.

I’ve heard several horror stories (and a couple of hilarious ones) about online dating from people for whom the word “dating” itself seems like an anachronism. A few of my female friends have become dispirited by the situation and simply given up. Somehow, though, I decided to tell the story from a male point of view. Loneliness is not a gender-specific condition.

JH: What is the One True Thing you learned from Edward about love?

HW: May I say Two True Things? One: that there are different kinds of gratifying love—for family and friends for instance, as well as amorous attachments. Two: that it’s never too late to find a soul mate.

Hilma Wolitzer is the author of several novels, including Summer Reading, The Doctor’s Daughter, Hearts, Ending, and Tunnel of Love, as well as a nonfiction book, The Company of Writers. She is a recipient of Guggenheim and NEA fellowships, an Award in Literature from the American Academy of Arts and Letters, and the Barnes & Noble Writer for Writers Award.  She has taught writing at the University of Iowa, New York University, and Columbia University.

 

http://www.psychologytoday.com/blog/one-true-thing/201202/q-hilma-wolitzer-30-year-love-affair-writing

Piero Chiara – La spartizione

IMG-20140625-00491

Ciao!

Ieri pomeriggio mentre cercavo il libretto di istruzioni del ferro da stiro (che sembrava posseduto) ho notato nella libreria un libro letto da poco, di cui devo assolutamente parlarvi!

E’ un romanzo di Piero Chiara (1913-1986), che si intitola “La spartizione”. Lo stesso autore ci tiene subito a precisare che non è la spartizione di una torta appena sfornata, o di un ricco bottino, aggiungendo un sottotitolo: “la comica avventura di un uomo diviso fra tre donne”.

La versione che ho io è un’edizione del 1973, comprata per pochi euro in una libreria famosa proprio per i libri usati. Fu pubblicato per la prima volta nel 1964 da Mondadori.

Il protagonista, ovvero l’uomo conteso dalle tre donne, si chiama Emerenziano Paronzini. E’ un uomo di mezza età, funzionario statale, che dopo il trasferimento a Luino decide di prendere moglie, per garantirsi una vita tranquilla, serena, consona a un uomo del suo rango.

La sua curiosità va a posarsi su tre sorelle, che possiamo comunemente chiamare “zitellone”. Pur essendo abbastanza ricche di famiglia non hanno marito, probabilmente per via del loro aspetto. Il Paronzini (come veniva chiamato in paese) vede nei loro sguardi tutte le caratteristiche che la sua moglie ideale deve avere, e decide di approfondire la conoscenza.

Come lui stesso ammette, la moglie ideale deve “essere persona, natura compiuta anche se distorta, da manomettere e da sommuovere senza pietà, crudelmente, come egli pensava si dovesse operare con le donne per trarne i sapori più forti”.

Insomma, una concezione quasi preistorica del concetto di donna e moglie. 😀

Scopre quindi che hanno perso il padre, vivono tutte e tre insieme nella casa di famiglia e si occupano di varie attività legate alla chiesa e alla comunità.

Ma soprattutto scopre che, nonostante la loro bruttezza, ognuna ha qualcosa di bello da offrire: una caratteristica estetica (mani, gambe, capelli) che lo convince del tutto a iniziare una corte serrata al gruppo, per decidere in seguito chi sposare.

Si introduce in casa loro con il pretesto di aiutarle con dei documenti, ed è molto divertente vedere come un piccolo elemento di disturbo possa generare il caos in un equilibrio che non è mai stato intaccato, e che ha resistito compatto e saldo fino ad allora.

Dopo attente riflessioni sceglie la sorella più grande, ma, non contento, proverà a conquistare anche le altre due..

Il titolo, a partire da questo punto della storia, fa anche riferimento alle tre sorelle, che si spartiscono i mille ruoli che una moglie ricopre.

Le situazioni assurde in cui il protagonista si ritrova sono volutamente ironiche, dando al lettore la sensazione che non ci sia niente di strano, di poco normale in tutto ciò.

In realtà tutto il romanzo è una provocazione alle concezioni del periodo, all’idea di “peccato”, a quell’apparenza che andava sempre mantenuta, di cui il Paronzini è ricercatore e trasgressore allo stesso tempo.

Anche i canoni come la bellezza e la bruttezza, di natura soggettiva ma universalmente classificati, vengono capovolti: scopriamo così che da tre mele marce, tagliando pezzo per pezzo, se ne può ricavare una buona, ma in uguale misura ce ne sarà una completamente composta da parti avariate, e lo sforzo per ottenerla è stato pari a quello per ottenere la mela buona.

La bruttezza diventa quindi frutto (per rimanere in tema) di una accurata ricerca, non di un destino dispettoso: concetto che è rimarcato anche dall’ossessione del padre delle tre ragazze per le verdure deturpate, storte, coltivate in modo da avere un aspetto più lontano possibile da quello che ci si può aspettare.

Il Paronzini mangia la mela ottenuta con le parti buone, ma solo all’ultimo scopriamo che era interessato all’altra mela, quella marcia, dando la sensazione di essersi preso gioco del lettore, di accettare e condividere i canoni, le regole, le imposizioni del periodo storico e sociale. In realtà ha distorto e manomesso pure quelli, a suo vantaggio.

Il finale è risolutivo: la sensazione viene confermata, il Paronzini diventa “un eroe” sociale, colui che ha dimostrato che  “con costanza, silenzio e buona tempra si possono ottenere risultati sorprendenti”.

Nonostante il cinismo che potrebbe trasparire, penso sia un personaggio molto positivo, indipendente, proiettato sui suoi obiettivi, e disposto a raggiungerli a qualunque costo. Di lui mi è rimasto soprattutto questo.

Il romanzo si legge facilmente, giusto le prime pagine risultano un pò lente, per via delle riflessioni che il Paronzini fa. Una volta fatta la conoscenza con le tre sorelle però, la storia scivola veloce come una biglia su un piano inclinato.

Peccato che sia un romanzo poco conosciuto: lo trovo molto attuale, capace di competere con i libri del momento. A tempi, comunque, ottenne un grande successo!

E’ stato tratto anche un film: “Venga a prendere il caffè da noi” (1970), diretto da Alberto Lattuada. Mio padre ha detto che è molto divertente: devo procurarmelo al più presto!

Immagine presa da http://www.incipitmania.com/wp-content/venga-a-prendere-il-caffe-da-noi.JPG
Immagine presa da http://www.incipitmania.com/wp-content/venga-a-prendere-il-caffe-da-noi.JPG

Vi lascio con una recensione presa da ilmiogiornale.org, che racconta anche le differenze tra il romanzo e la versione cinematografica.

Giovanna

_____________________________________________________________________________________________________

Piero Chiara maestro di ironia. Perché leggere “La spartizione”

Per chi ama Andrea Vitali, leggere Piero Chiara è quasi un atto dovuto. Quest’ultimo è, infatti, uno dei suoi “maestri” e a lui è intitolato il premio letterario che a Vitali è stato assegnato nel 1996.

In comune hanno l’ambientazione paesana e lacustre delle loro storie, ma soprattutto quello spirito di osservazione necessario per sollevare – con leggerezza – il velo dell’apparenza e smascherare – senza intenti moralistici – difetti, meschinerie, menzogne e ridicolaggini di cui pullula l’umanità. Ne deriva che i microcosmi da loro ritratti, seppure geograficamente ben definiti (Nord Italia, lago, paese), hanno una “vocazione universale”. Come non ritrovarvi, infatti, le stesse dinamiche di un qualunque paesino del Sud Italia? Quella propensione al pettegolezzo tanto più marcata quanto più riservata è la persona che ne è l’oggetto; quel moralismo di facciata che nasconde vizi e vizietti; quell’intrecciarsi tra ritmi della natura e ritmi degli uomini; quel bizzarro mescolarsi di sacro e profano, di fede e superstizione; quella tendenziale diffidenza con cui chi vivacchia guarda a chi se la passa bene e che va a braccetto con il desiderio di apparentarvisi…

Quale sia l’approccio di Chiara rispetto alle storie narrate ben lo spiega Carlo Bo nell’introduzione all’edizione Mondadori de La spartizione (1964):  «[…] non insegna, non spiega, tutto deve essere limitato a vedere meglio e quindi a capire. […] per Chiara, capire significa mettersi nelle stesse condizioni dei suoi personaggi, accettare i fatti […] lasciando […] alla vita il compito di svolgere la sua lezione di fatale semplicità e di naturalezza.» «Non si sbaglierà, dunque, a mettere l’accento finale sull’intensità dello sguardo, sulla singolarità e infine sul rispetto autentico e libero della vita che salta fuori dalle sue pagine più belle.»

È chiaro, dunque, che quelle de La spartizione sono pagine che, tra una risata e l’altra, offrono parecchi spunti di riflessione. E lo fanno persino su temi abbastanza improbabili quali, ad esempio, “la dignità del brutto”. Significativo in proposito un passaggio ripreso anche nella trasposizione cinematografica Venga a prendere il caffè da noi, diretta nel 1970 daAlberto Lattuada (che, peraltro, vi interpreta anche una piccola parte, quella del dr Raggi): «Tanto il bello quanto il brutto […] sono frutto di un uguale sforzo creativo e sono qualità raggiunte. E non è che sia facile ottenere una cosa veramente brutta: è difficile come ottenerne una bella. La valutazione dei risultati è una pura questione di gusto.»

La trama stessa, del resto, ruota intorno alla bruttezza: tre sorelle tutt’altro che avvenenti (Fortunata, Tarsilla e Camilla Tettamanzi) si contendono le attenzioni di un uomo (Emerenziano Paronzini) che della bruttezza si scoprirà essere amante, al pari del defunto padre delle tre “grazie”A questa tresca principale si annodano altre vicende amorose e altri episodi che, pur oltrepassandone le rassicuranti mura, hanno sempre in casa Tettamanzi il loro epicentro.

A raccontar queste esilaranti vicende è un narratore disincantato e irriverente, che, però, non lascia il lettore a secco di poesia. Attenti, tuttavia, a non farsi prendere dal romanticismo perché l’incanto dura poco. Emblematico questo passaggio che vede per protagonista il perdigiorno e dongiovanni Paolino: «”Dio ha voluto così” concluse. E guardando il cielo dove le stelle sembravano eccitate dal vento che rumoreggiava tra i faggi, pensò a Dio, tanto per pensare a qualche cosa di astratto, come gli pareva giusto in quell’immensità.
“Ci sarà proprio Dio?” si domandò. “Se c’è” si rispose “tiene mano al Paronzini.»

Accennavamo prima al film che da questo romanzo è stato tratto: nonostante Piero Chiara abbia collaborato alla sceneggiatura (e vi abbia anche recitato nei panni del rag. Pozzi, amico intimo del Paolino), la versione cinematografica non è del tutto fedele all’originale letterario.
Innanzitutto, La spartizione è ambientata in epoca fascista, mentre Venga a prendere il caffèda noi è ambientato in epoca successiva. Uno scostamento che priva la pellicola di alcune perle di sarcasmo con cui Chiara delizia il lettore e che prendono di mira proprio il fascismo. Mancano, inoltre, alcune delle scene più comiche, anche se il film risulta comunque godibile: il segreto per apprezzarlo a pieno è non aspettarsi una riproduzione pedissequa del romanzo.

Se, infatti, la storia e i personaggi perdono qualcosa rispetto alla versione letteraria (Tarsilla qui non è poi così brutta e le sue gambe non così belle; Emerenziano qui è tutt’altro che insignificante), per altro verso nel film acquistano nuove e interessanti caratteristiche. Più di tutti l’Emerenziano che – grazie ad uno straordinario Ugo Tognazzi, esilarante quanto nei panni del Conte Mascetti in Amici miei di Monicelli –  acquista più charme, più nerbo … e più fastidiose abitudini. Degna di nota, però, è anche l’interpretazione che di Camilla Tettamanzi fa Milena Vukotic: sottomessa, ingenua e anche più isterica del personaggio letterario.

Il consiglio è quindi di cominciare con la lettura del libro (avendo la pazienza di attendere che il ritmo acceleri in un crescendo di ridicoli colpi di scena) e poi, dimenticandolo per un attimo, passare alla visione del film

 

http://www.ilmiogiornale.org/piero-chiara-maestro-di-ironia-perche-leggere-la-spartizione/

WordPress.com.

Su ↑